Sabato 15 Dicembre 2018
home scrivici FB TW G+ YT

Programma ed obiettivi    Carta dei Diritti del bambino    Alimentazione    Contratto Etico per lo Sport   

Il Gruppo Sportivo Vedano al Lambro ha sempre avuto l’obiettivo di concorrere alla formazione dei ragazzi che ne fanno parte sia sotto l’aspetto sportivo che umano, impostando la propria organizzazione societaria con lo scopo di insegnare un sano agonismo sempre nel rispetto delle regole.
Per continuare con questo spirito e per migliorarci da quest’anno ci siamo posti l’ obiettivo di diventare “Scuola Calcio F.I.G.C.”.
E’ una meta molto ambiziosa perche’ la Federazione impone alle societa’ che ne fanno richiesta il rispetto di parametri molto selettivi sia a livello tecnico-organizzativo che in altri settori che fino ad oggi raramente rientravano nei compiti di una societa’ calcistica
italiana.
Ci riferiamo ,ad esempio, al tesseramento di almeno due tecnici qualificati iscritti all’albo  del settore tecnico della FIGC in ruoli specifici a progetti che riguardano attivita’ di informazione ed aggiornamento su temi educativi e psicopedagogici rivolti non solo a dirigenti e tecnici ma anche ai genitori.
Viene richiesta,inoltre, una programmazione tecnico didattica con indicazione di obiettivi,metodi e contenuti che di seguito andiamo a specificare.
  
PROGRAMMAZIONE TECNICA-DIDATTICA
OBIETTIVI DELLA NOSTRA “SCUOLA CALCIO

 
·   Sviluppo e consolidamento degli schemi motori di base (camminare,saltare,lanciare,afferrare…)
·   Sviluppo e consolidamento delle capacita’ coordinative (adattamento e trasformazione,controllo      motorio,apprendimento motorio,fantasia motoria,differenziazione,ritmizzazione…)
·   Sviluppo della tecnica calcistica individuale (controllo e dominio della palla,passaggio e tiro,conduzione,tecnica del portiere,marcamento…)
·   Sviluppo della tattica individuale e di squadra
·   Conoscenza ed acquisizione delle regole del gioco del calcio
·   Conoscenza ed acquisizione delle regole di socializzazione ( fairplay,accettare la sconfitta e la vittoria,rispetto per i compagni che giocano con me e contro di me,rispetto per i dirigenti e i genitori,integrazione del diversamente abile)
 
Per praticare un’attivita’ sportiva,gli atleti hanno bisogno di serie motivazioni e di una formazione educativa sportiva.Nasce l’importanza di progettare una valida ed adeguata programmazione didattica soprattutto nella fascia giovanile.Tutto cio’ permette di pianificare e razionalizzare gli interventi formativi sull’individuo in eta’ evolutiva.Per programmazione si intende una procedura composta dalle seguenti parti :
1)Obiettivi educativi e didattici,2)requisiti di base,3)Test di ingresso,
4)Attrezzi e strumenti,5)Contenuti o esercizi,6)Verifica,7)Valutazione 

 La  Scuola Calcio deve essere basata sui concetti di continuita’,progressivita’ e pluriannualita’. Scopo principale e’ quello di offrire ai ragazzi la possibilita’ di svolgere un’attivita’ completa fisico-motoria sia da un punto di vista atletico che tecnico,impostata sul gioco del calcio.
Ci si propone di favorire apprendimenti generali che costituiscono le fondamenta non solo del calcio,ma dell’attivita’ fisico-sportiva in generale. Porsi obiettivi come :

·  L’acquisizione di un adeguato schema corporeo e motorio e di una corretta percezione spazio-temporale.
·   Il miglioramento delle capacita’ psico-motorie e lo sviluppo delle capacita’ ritmo-cinestetiche coordinazione,equilibrio.)
·  Lo sviluppo armonico delle capacita’ fisiche resistenza,mobilita’articolare,forza,velocita’)
 
Tutto cio’ consente un potenziamento sia dal punto di vista fisico che psichico.
Offrire il calcio ai ragazzi con un metodo che renda meno noiose possibile le lezioni e faccia sensibilizzare l’allievo con il pallone,il campo,i compagni,ponendo le basi per un’attivita’ agonistica futura.
Proporre le difficoltà’ in progressione crescente finche’ l’allievo si trovera’ in grado di saper trattare il pallone,saper stare in campo e saper collaborare con i compagni.L’intento e’ di avere giovani creativi,dei ragazzi che giochino un calcio in modo intelligente,ragionando su  quello che fanno o dovranno fare e non cio’ che imparano a memoria durante l’allenamento.Al fine di raggiungere gli scopi prefissati,l’attivita’ dovrebbe svolgersi in relazione ad alcune regole di base .
A) Il turno di lezione dovra’ essere di 1 ora e 30 minuti suddivisa in tre fasi.
Fase 1 :conoscenza o consolidamento degli schemi motori di base attraverso esercitazioni e giochi a carattere multilarelali.
  Fase 2 e 3 : insegnamento della tecnica calcistica individuale e collettiva mediante esercizi,giochi a tema,di situazione e partita didattica
B) Il lavoro e’ impostato sul gioco.
Il ragazzo e’ disponibile soltanto se si sta divertendo.Non mancheranno fasi  di puro addestramento per assimilare tutti gli elementi di tecnica calcistica indispensabili all’allievo per saper dare la giusta risposta tecnica nell’ambito delle situazioni di gioco variabili.
C) L’attivita’ e’ divisa in piu’anni e viene cosi’ frazionata.

PRIMO ANNO

Attivita’ motoria multilaterale mediante esercizi-gioco che concorrono alla strutturazione dello schema corporeo-motoreo di base.
Preparazione fisica di carattere formativo ed insegnamento della tecnica calcistica mediante giochi finalizzati al calcio.

SECONDO ANNO

Attivita’ motoria di base multilaterale,preparazione fisico-atletica di carattere formativo ed insegnamento della tenica e dei primi rudimenti di tattica calcistica. Conoscenze di norme sanitarie e principi di alimentazione.
L’insegnamento della tecnica e della tattica calcistica di base individuale e collettiva si riferisce a :
·   ad una fase di familiarizzazione con la palla o “dominio della palla”.
·   Ai modi di “dare il pallone”:interno piede,interno collo piede,esterno collo-piede….
·   Ai modi di “ricevere il pallone”:stop interno piede,stop sotto la pianta del                 piede,stop  interno collo-piede…..nelle svariate situazioni.
·   Alla guida della palla.
·   Ai dribbling.
·  Al senso dello spazio nel campo(smarcamento)
·  Al colpo di testa:frontale e parietale
·  Al passaggio trasversale,diagonale,verticale,diretto…
·  Alla rimessa laterale,dal fondo...
 
   TERZO ANNO

Consolidamento dello schema corporeo-motoreo,preparazione fisico-atletica formativa e insegnamento della tecnica e tattica calcistica tendente al completamento del bagaglio motorio acquisito precedentemente con elementi piu’ difficili.
Partite didattiche,tenendo conto che il gioco del calcio e’ uno sport di situazione e che quindi gli esercizi e i giochi sia a tema che di situazione,devono presentare variabili in numero sempre crescente,presentando le tematiche dettate dal programma.
La tecnica si basa su :
A)              modi di “dare il pallone”
B)           Modi di ricevere il pallone
C)            Contrasto
D)            Guida della palla,finte,dribbling
E)           Sviluppo delle capacita’ di marcamento acquisite
F)            Tecnica del portiere,

QUARTO ANNO

Si insegna la piu’ giusta applicazione degli elementi acquisiti sui principi del gioco collettivo e di squadra gia’ impostati negli anni precedenti.
Si aiutano gli allievi nella ricerca della piu’ giusta e pratica posizione in campo considerando le caratteristiche individuali,le capcita’ acquisite,doti e capacita’ innate.Introduzione dei ruoli e loro funzione singola e collettiva,requisiti richiesti,acquisizione all’adattamento del ruolo creando negli allievi la mentalità’ del giocatore che sa svolgere operazioni diverse.
Impostazione tattica del giocatore di difesa,di centrocampo e di attacco.
Sviluppo e impostazione tecnico-tattica del ruolo del portiere.
Sviluppo delle capacita’ di marcamento e di difesa in funzione del collettivo.
  “ …..le categorie di base rappresentano,all’interno dell’organigramma della struttura giovanile federale,una piramide il cui apice e’ rappresentato dagli “Esordienti”.
La sintesi culturale di questa attivita’ di base deve avere come comune denominatore alcune definizioni o parole chiave che devono rappresentare la linea guida per coloro che si occupano di formazione e’ di attivita’ sportiva infantile :
- Gioco ;
- Divertimento ;
- Entusiasmo ;
- Passione ;
- Programmazione;
- Cultura sportiva ;
- Professionalità .
 
                                                      
     


  


titolo sponsor




© 2015 G.S. Vedano - Tutti i diritti riservati
Home | Contatti | Privacy | P.IVA 00832600969